L'ITALIA CHIAMÒ RADIO SHOW

Il programma radiofonico in Italiano andato in onda ogni giovedì da Boston, MA – U.S.A., nella prima edizione da dicembre 2013 a maggio 2014


Leave a comment

L’ultima puntata della prima stagione

trioRidicola trioseria

Tre facce della stessa medaglia, tre facce dove la serietà si confonde con la comicità. Cosa è stato il nostro programma radiofonico nella sua prima versione? Ai posteri, l’ardua sentenza. O forse ai posteri televisivi? (Come vi abbiamo sussurrato nella puntata finale, passeremo anche nella prima versione televisiva su ItalicaTV.com )

Ci sarà comunque da aspettare molto poco per una nuova versione radiofonica… ci rivediamo in autunno! Tempo un’estate per scoprire altri personaggi.

Intanto, ascoltatevi l’ultima puntata di questa prima stagione ← (a questo link a sinistra)… lasciamo descrivere a voi quanto vi abbiamo tenuto compagnia o quanto vi abbiamo rotto i cabasisi. Ma prendere per i fondelli è la nostra arte, quindi non vi libererete di noi.

In quest’ultima puntata abbiamo chiuso il cerchio: come nella primissima puntata ospite musicale  Moira Lo Bianco preceduta dalle fanfare di un famoso canto folkloristico calabrese. A parlarci dell’Italia e del suo perduto Rinascimento, in apertura il designer Gianfranco Zaccai la cui storia di Architetto e Designer a Boston potete leggerla qui

Grazie a tutti! E Buon Ascolto!

Emanuele Capoano, Stefano Marchese, Elisa Meazzini e…Roberto Di Giulio, in arte Prof. Zipipi e l’Ascoltatore Pazzo.

 

trioridicola2

Advertisements


Leave a comment

13esima puntata e i Grand Fatilla dal vivo

In questa 13esima puntata ascoltabile in questo link sempre dal nostro canale YouTube ← le risate contagiose di Fabio Pirozzolo e Roberto Cassan dei Grand Fatilla ← ci infiammano la puntata con tante sorprese: dall’inchiesta del Commissario Giangurgolo, all’inviato Maurizio Sordo, all’italiano in cina Skapp Hin Cin e le sue massime tibetane, dalla ricetta improbabile di Jean Paul Lavateur e la poesia lorchiana incompresa di Eleuterio Siniscalco, dalle maschere della Commedia dell’Arte al critico musicale Ludvik Amadeus Brambilla dei Pignoli, dalle richieste di Peppino Lemigrato (a volte assecondate come nel link del video qui sotto) alle incursioni dello scienziato Zipipi che ci ha regalato gli ultimissimi segreti della sua invenzione… in parole povere come costruire una fionda.

E il sasso che lanciamo invece agli italiani all’estero è, non solo fatto di notizie vere e colorate come quelle del direttore del Bostoniano.info Nicola Orichuia o dell’inviata Elisa Meazzini in Italia, ma sempre quello della buona musica… dai consigli di Jazz Convention a come questa jam session finale dei Grand Fatilla. Buon ascolto e buona visione.

GRANFATILLAzumix


Leave a comment

La 12esima puntata e… i pettegolezzi sanremesi

Ecco dove potete ascoltare la 12esima puntata completa ← sempre sul nostro canale YouTube.

Pare che il Festival di Sanremo abbia avuto un calo record di ascolti, ma noi all’estero negli Stati Uniti sembra che vogliamo stare lontani di proposito certe volte dai guai italiani, nella speranza che la canzone italiana appaia meno sciupata come il bianco e nero della nostra mascotte de L’ITALIA CHIAMO’ RADIO SHOW (qui nel suo bozzetto originale del pittore Giuseppe Capoano)

ImmagineBNradio GIUSEPPE CAPOANO

Ancora Sanremo, se invece volete ascoltare solo la mini inchiesta del Commissario Giangurgolo sul Festival della Canzone Italiana,← ascoltatela da questo link appena citato a sinistra della freccia.

A proposito di mini, vi siete poi accorti che dal nostro canale YouTube potete anche ascoltare spezzoni più brevi per perdere meno tempo in ufficio mentre vi deliziate con i nostri personaggi? Ecco la lista delle migliori gag in pillole di questa dodicesima puntata:

1) LA COMMEDIA DELL’ARTE ← Pulcinella e Balanzone commentano le notizie attuali…

2) Le prediche dell’italo-americano Father Richie

3) Peppino Lemigrato ← che tenta di buttarsi dal balcone di Sanremo

4) L’inviato Maurizio Sordo ← che sbaglia sempre….

5) La new entry del saggio italo-cinese ←

6) Il nuovo progetto dello scienziato Prof. Zipipi ←

7) Il Poeta incompreso Eleuterio Siniscalco ← che declama versi in onore al Festival di Sanremo

8) Il nostro immancabile Critico Ludvik Amadeus Brambilla dei Pignoli con l’ospite ←musicale Sergio Prezioso

9) E la Fuga dei Fornelli e i pasticci del Cuoco Jean Paul Lavateur nella sua riedizione delle finte ricette autentiche italiane. ←


Leave a comment

L’undicesima puntata…e lo stesso ospite in studio della prima

L’undicesima puntata ascoltabile da questo link ← sul nostro canale YouTube, con la musicista MOIRA LO BIANCO ospite in studio ci da l’occasione di creare nuovi personaggi, come Alberto Tossico ascoltatore de L’ITALIA CHIAMO’. Torna l’artista calabrese al momento a New York per raccontarci del suo web show in mondovisione raggiungibile da questo link www.concertwindow.com/shows/3195-moira-lo-bianco

Ritorna per l’occasione la famosa inchiesta del Commissario calabro Giangurgolo, dal grilletto facile… ma irascibile tanto da voler uccidere Cupido a S.Valentino.

Continuano i consigli della sessuologa Giuditta de’ Benci, alias Chiara Durazzini che s’impossessa del corpo della toscanologa.

Da ascoltare anche il Progetto Boil dello scienziato Prof. Zipipi… mica pizza e fichi!

Cercate poi su Skype l’account L’ITALIA CHIAMO’ RADIO SHOW e raccontateci se avete uno scherzo da fare a un vostro amico o amica. Noi saremo al vostro servizio.

Per il resto, la musica italiana contemporanea ci accompagna coi suoi scherzi andanti e le sue fughe.

Trio in radio

La scala ascendente tra il piu’ alto, Stefano, che qui si e’ sacrificato per i diversamente alti come Emanuele e Moira Lo Bianco


Leave a comment

Sesta puntata: il nostro primo ospite in studio, un burlone canterino.

CLICCATE QUI PER ASCOLTARE LA SESTA PUNTATA. ← Ne sono successe delle belle: Collegamenti con il regista Sebastiano Rizzo per la sua opera prima Nomi e Cognomi con Enrico Lo Verso e Maria Grazia Cucinotta, il musicista Lello Molinari e… il primo ospite in studio era un mitomane, tale Giuseppe Tempestoni che andava in giro spacciandosi per il giornalista RAI Stefano Salimbeni cantando canzoni agro demenziali come A rizzate Mari’, beccato dall’inviato Maurizio Sordo in fuga sotto il costume di Babbo Natale e fermato per atti osceni in luogo pubblico con la Befana, stanato dall’inchiesta del Commissario calabro Giangurgolo che lo aveva intercettato onnipresente dal Carnevale di New Orleans ad un pellegrinaggio con i fedeli di Chicago, dai pescatori di Boston fino al Brasile.

Questa foto ne è un documento.

GiuseppeTempestoni